Archive for maggio 2009

h1

Non è un paese per vecchi

30 maggio 2009

vecchi

Non è un paese per vecchi è un film che mi ha lasciato un pò strano. Cioè.. a mio avviso non è assolutamente un film bello. Pieno di tempi morti in cui se sei a vederlo con gli amici spari cazzate e lo doppi in salentino, ma sei sei da solo ti rompi veramente le scatole.
Lui che sembra, o meglio è, indistruttibile. Col pistolino perforante che si porta appresso e non lo nota nessuno.
Che dire… un film che mi ha lasciato perplesso.

Voto: 4!

Voi che ne pensate?

Annunci
h1

Onora il Padre e la Madre

28 maggio 2009

onora-il-padre-e-la-madre

Un film veramente assurdo. Girato male. Con una storia brutta. A tratti scontata. Si è cercato di dare un tocco particolare con uno svolgimento particolare che salta di storia in storia in tempi diversi unendo i tasselli.
Ne vien fuori un film davvero fatto male.

Voto: 3!

Cosa ne pensate?

h1

Auguri Mamme…

10 maggio 2009

FestaDellaMamma

Tanti auguri a tutte le Mamme.

A tutte le mamme che ho conosciuto,

a tutte quelle che hanno sfiorato la mia vita

e a tutte quelle che mai conoscerò.

Un pensiero speciale per la mia Mamma….

Un bacio grande grande.

Vincenzo

h1

Non dimentichiamo un eroe…

10 maggio 2009

31 anni fa si spegneva, in condizioni alquanto oscure, Peppino Impastato.
Un uomo, un giovane, un politico, un combattente, un sognatore.
Un ragazzo ucciso dala mafia e dai mafiosi perchè ritenuto scomodo e irriverente.
Si. Scomodo e irriverente. Scomodo perchè viveva con l’unico scopo di far aprire gli occhi alla gente cosicchè vedesse lo scempio che la mafia faceva della splendida terra di Cinisi. Irriverente perchè, dalla sua radio libera Radio Aut, sbeffeggiava (e denunciava allo stesso tempo) i mafiosi e i politici della sua terra.
La sua morte fu una morte “poco chiara”. Gaetano Badalamenti, il mandante dell’omicidio, aveva studiato per bene le sue mosse. Peppino fu seguito, preso, stordito a botte di pietra sulla testa. Poi fu fatto stendere sulla ferrovia e, imbottito di tritolo, fu fatto saltare in aria.
Stampa e forze dell’ordine catalogarono l’avvenuto come “un attentato teroristico durante il quale l’attentatore, per un errore di valutazione, si è fatto saltare in aria“. In seguito poi furono trovate alcune righe scritte da Peppino in un momento di crisi in cui dichiarava di voler abbandonare la politica… e la vita. Bastò questo agli inquirenti per cambiare un’altra volta la versione dei fatti: suicidio.
Questa fu la versione dei fatti.
Ma la madre, il fratello, gli amici, l’associazione Peppino Impastato (costituita in seguito alla sua morte), l’ordine dei giornalisti ecc. si sono battuti affinchè la verità venisse a galla. Dopo esposti, appelli, richiami e mille sentenze solo il 5 Marzo 2001 hanno avuto la giustizia che meritavano: Vito Palazzolo (esecutore del delitto) e Gaetano Badalamenti (mandante) sono stati condannati (anche) per il suo omicidio.
A Cinisi lo hanno sempre saputo che la mano che mise fine alla vita di Peppino Impastato era una mano rossa di sangue e nera di imbrogli.
A lui sono dedicati il film “I cento passi” e numerose canzoni scritte da autori di alto livello tra cui Carmen Consoli e i Modena City Ramblers.
Ma non bastano una condanna, un film e una diecina di canzoni per ricordare un uomo. Serve il nostro ricordo. Serve il nostro cuore. Serve vedere in Peppino una speranza.
Ha pagato con la vita affinchè molti altri l’avessero salva.
Ha pagato con la vita perchè, non solo gli abitanti di Cinisi, ma tutti noi, aprissimo gli occhi.
Dobbiamo molto a Peppino Impastato… vediamo di non dimenticarcene.

– Vincenzo –

h1

Gaberiele.wordpress.com

6 maggio 2009

“Nella vita
se si vuole fare strada
bisogna aspirare A qualcosa di grosso….
oppure…
semplicemente qualcosa di grosso…!”

by Gabriele
da Gaberiele.wordpress.com